Carta d’identità

Il bambino al centro

Noi siamo i bambini!

Daniele a.5

de biasi piccoli

L’idea di bambino che questa scuola promuove si riferisce ad esso come ad un individuo competente, costruttore attivo del proprio sapere attraverso l’esperienza diretta con la realtà che lo circonda, sostenuto dalla relazione con l’altro e dalla sua stessa capacità di stupirsi e appassionarsi.

 I bambini fanno fatica a non parlare,

perchè il loro pensiero è più bello

Nicholas a.4

 

SCUOLA COME ATELIER

i cento linguaggi dei bambini

La scuola è un luogo di ricerca e azione dove il bambino comunica attraverso i suoi “cento linguaggi” che, se valorizzati dall’adulto, gli permettono di conoscere se stesso e il mondo che lo circonda.

L’atelier e i mini-atelier sono luoghi specifici all’interno della scuola per sperimentare e approfondire i diversi linguaggi espressivi.

Invece
il cento c’è
Il bambino ha
cento lingue
cento mani
cento pensieri
cento modi di pensare
di giocare e di parlare
cento sempre cento
modi di ascoltare
di stupire di amare
cento allegrie
per cantare e capire
cento mondi
da scoprire
cento mondi
da inventare
cento mondi
da sognare. (…)
Loris Malaguzzi, pedagogista
(dal catalogo della Mostra “I cento linguaggi dei bambini” ©Scuole e Nidi d’Infanzia – Istituzione del Comune di Reggio Emilia, Reggio Children editore 1996)

 

L’AMBIENTE

E’ certamente un diritto dei bambini abitare in luoghi belli e piacevoli

L’ambiente della scuola è uno spazio fisico e archittetonico ma soprattutto un luogo relazionale, che accoglie, genera e rende visibili i processi di ricerca e apprendimento dei bambini e delle bambine che lo abitano quotidianamente.

foto_5

Gli spazi della scuola sono luoghi in continua trasformazione che l’adulto progetta e riprogetta creando contesti di qualità dove i bambini possano sentirsi accolti, fare esperienza e lasciare traccia di sè. Le relazioni, le emozioni, le esplorazioni, le idee e gli accadimenti tra i protagonisti del progetto educativo, che avvengono continuamente all’interno dello spazio della scuola, danno identità e forma all’ambiente stesso.

la sezione

file1428Le sezioni sono luogo di esperienza e di apprendimento in piccolo e in grande gruppo. Quotidianamente avviene l’assemblea, uno dei momenti privilegiati del fare e diventare gruppo attraverso la condivisione e il dialogo, è il “cerchio” dove vengono apprese regole per stare bene insieme; dove viene promosso l’apprendimento cooperativo e dove si valorizza la circolarità di emozioni e pensieri.

E’ metaforicamente il luogo di mediazione tra il singolo e il gruppo sezione in cui ogni punto di vista trova legittimità.

la piazza

foto_2

La Piazza è un grande spazio centrale presente in ogni area alla quale si affacciano le sezioni e ricopre nell’edificio la stessa funzione della piazza nella città. La piazza supporta la pedagogia della relazione, è infatti allestita con contesti che favoriscono gli accadimenti, le relazioni di gruppo, le storie e i rapporti sociali fra i bambini in intersezione e interarea.

la sala da pranzo e la cucina

La sala da pranzo è lo spazio in cui il linguaggio del cibo diventa il mediatore delle relazioni, del piacere di stare insieme e della convivialità.

file2790

DSCN2170_1583

 

 

l’ atelier

Spazio dedicato a sperimentazioni e approfondimenti che si intrecciano alle progettazioni specifiche dei gruppi sezione.

atelier argilla

 la biblioteca

Spazio privilegiato in cui si dà valore alla lettura e all’ascolto di storie.

foto

il giardino

IMG_6832

foto_1

 

la stanza del sonno

Stanza dove si condividono fiabe, riposo e sogni.

 

stanza della psicomotricitàfoto 1

Luogo dell’espressività motoria libera e spontanea.

l’ atelier dell’ombra

file2812

IMG_3124Atelier tematico intorno ai fenomeni della luce e dell’ombra.

Lo spazio è caratterizzato con diverse proposte per permettere ai bambini di sperimentare come materiali di diversa natura interagiscono con diverse tipologie di fonti luminose.

l’orto
IMG_0249

Luogo privilegiato per fare esperienza diretta nell’osservare i processi di semina, piantumazione e crescita nella natura. Questo contesto è in continuità con la cucina ed è occasione per ragionamenti intorno alle misurazioni e ai processi di trasformazione.

Sala da bagno

IMG_4444

 Luogo dedicato alla cura di sè, all’autonomia e alle conversazioni “segrete”.
IL RUOLO DELL’ADULTO

IMG_4020L’insegnante sostiene i processi conoscitivi dei bambini allestendo spazi e materiali adeguati a far emergere le loro potenzialità. Attraverso l’osservazione e l’ascolto, l’adulto valorizza le teorie e le ipotesi dei bambini promuovendo lo scambio di competenze, i contagi e le alleanze nelle ricerche individuali e collettive.file2672

La documentazione (fotografie, video, appunti, parole ed elaborati dei bambini) ha proprio lo scopo di testimoniare le diverse modalità di apprendimento, permettendo di rilanciare e riflettere sull’esperienza fatta. L’insegnante organizza l’attività con i bambini in piccoli gruppi di apprendimento e lavora essa stessa in team, valorizzando così le proprie ed altrui competenze e punti di vista.

LA PARTECIPAZIONE

DSCN0443

Il nostro progetto educativo pone tra le parole chiave la partecipazione, intesa come dialogo e interazione permanente trai tre soggetti protagonisti: i bambini, le famiglie e il personale della scuola. A tal proposito diventa fondamentale prevedere e organizzare tempi e spazi per momenti di scambio con le famiglie e il territorio.

s-inaugurazione orto (27)

 

L’apertura al territorio diventa passaggio fondamentale per diventare comunità cittadina e dar vita a momenti di confronto intorno ai temi dell’infanzia e dell’uomo. Ciò che la scuola si propone, in definitiva, è di promuovere e sostenere l’ideazione di nuovi processi partecipativi con le famiglie e di riconoscere ai bambini il fatto di essere i più grandi mediatori culturali nel rispettare e valorizzare le diversità.

Progetto continuità

_con la Famiglia

IMG_9653

Informazione/formazione su tematiche educative, incontri periodici, progetti laboratoriali (mercatino di Natale, Teatro, serata del Dono…), progetti educativo-didattici, feste (Accoglienza, Festa d’autunno con i nonni, S. Lucia, Feste di Natale della Famiglia, Notte dei racconti, Festa di Fine anno, Consegna dei diplomi.)

_con il Territorio

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Mostre, feste organizzate da Enti e Associazioni locali e/o dalla Scuola, uscite didattiche, visite alla biblioteca, collaborazioni con i servizi pubblici e privati, con l’Ambito Sud di Azzano X e il Comune di Prata di Pordenone.

 

 

_con gli altri Ordini e Scuole

verticale: asilo nido – scuola dell’infanzia –  primaria

orizzontale: scuole dell’infanzia del territorio